Neurologo

 

elettromiografo            img-20161005-wa0010

Dott. ssa Raffaella Mossini – medico chirurgo con specializzazione in Neurologia

RICEVE LUNEDI’ POMERIGGIO

Libero professionista

Dirigente medico presso ASL Sondrio, Servizio Fragilità (2015/giugno 2016) – Dirigente medico c/o Neurologia AOVV  Sondalo e Sondrio(2007/2015)

La neurologia è una specializzazione della medicina che studia il funzionamento e le patologie del sistema nervoso centrale, del sistema periferico somatico e del sistema nervoso periferico autonomo.

PATOLOGIE TRATTATE:

> Malattia di Alzheimer e M. di Parkinson

> Patologie vascolari e cerebrali

> Cefalee

> Epilessie

> Disturbi del sonno e dell’umore

Elettromiografia / Elettroneurografia

ELETTROMIOGRAFIA ED ELETTRONEUROGRAFIA – PREPARAZIONE E PROCEDIMENTO:

L’ Elettromiografia è un esame strumentale che si fonda sulla registrazione dell’attività elettrica muscolare rilevata per mezzo di elettrodi ad ago inseriti nel ventre muscolare mentre l’ Elettroneurografia, avvalendosi della stimolazione elettrica dei tronchi nervosi, consente la valutazione dell’integrità funzionale della fibra nervosa periferica.

Esistono condizioni in cui l’esecuzione dell’esame appare particolarmente utile. Ad esempio, in caso di dolori, riduzione della forza, disordini delle sensibilità, la registrazione dell’attività elettrica dei muscoli e dei nervi può dare informazioni utili per l’individuazione di eventuali sofferenze e fornire dati che, correlati alla storia clinica, portino ad escludere o definire la patologia (miopatia, neuropatia, radiculopatia, patologia della trasmissione neuro-muscolare).

E’ consigliabile effettuare l’esame solo dopo circa due settimane dall’insorgenza del sintomo. Prima di eseguire l’esame si consiglia di fare un bagno per rimuovere eventuali creme o lozioni dalla pelle, Se i pazienti assumono farmaci possono continuare tranquillamente avendo l’accortezza di segnalare al medico se si assumono anticoagulanti. Bisogna inoltre segnalare se si è portatori di pace-maker o altri stimolatori elettrici e se si è portatori di malattie infettive.

La modalità di svolgimento dell’esame non è standard e dipende dal quesito diagnostico. Il test si articola, in genere, in due parti:

  1. Studio della conduzione del nervo: il medico applica elettrodi di superficie sulla cute, fissati con cerotti ipoallergenici. In seguito vengono erogati stimoli elettrici che provocano un lieve movimento del muscolo interessato. (elettromiografia)
  2.  esame con elettrodo ad ago: viene inserito nel muscolo da esaminare un elettrodo ad ago sterile, per registrare l’attività elettrica a riposo e durante la contrazione muscolare. (Elettromiografia)

L’esame è praticamente indolore e dura in media dai 15 ai 30 minuti. terminato l’esame si potrà avvertire un leggero indolenzimento dei muscoli comunque transitorio.